LA LI    URGIA

1/1

Come di routine, Maria (73) è in chiesa e ascolta la messa in solitudine. Donna elegante, ripete le preghiere con precisione, al contrario della goffa Bruna (65), amica storica che da sempre si incespica. Bruna è lì solo per stare con Maria, la quale però detesta la sciattezza dell’amica e la tiene lontana. A casa Maria prepara sempre lo stesso pranzo. È sola, suo marito Agostino è morto da tempo e i sospiri dell’anziana ne rimarcano l’assenza. La donna cucina con movimenti precisi: controlla sulla bilancia che i grammi della pasta siano sempre 85 e mai uno in più. Poi, come al solito, al pomeriggio Bruna si reca dall’amica per giocare a carte. Da brava ospite porta una (disgustosa) crostata e giustifica i suoi pasticci culinari dando la colpa alla bilancia rotta – sarebbe bello se Maria le prestasse la sua!
Il giorno seguente la routine di Maria viene interrotta: l’anziana non trova la sua bilancia. Il colpevole, però, si rivela poco dopo: Bruna, infatti, si presenta con la prima crostata ben fatta. Maria la scruta per tutta la partita finché, persa la giocata, perde il controllo: Bruna è un’infima ladra! Le ha rubato la bilancia oltre che il marito; fu la sua amante in gioventù e non l’ha mai perdonata. Agitata, Maria inizia a chiamare Agostino: lo cerca per tutta la casa come fosse vivo. Bruna assiste alla scena con il cuore in gola finché, disperata, dice all’amica che Agostino è morto – chi stai cercando? - Maria disorientata si blocca: non lo ricordava, come non ricordava di aver prestato la bilancia a Bruna.
Mesi dopo, in chiesa Maria e Bruna sono sedute vicine. Ricurve, pregano e sbagliano insieme le parole. Bruna però tiene in mano il libretto delle preghiere. Con un dito indica all’amica il punto preciso del verso da cui poter ricominciare.

Credits

Director:

Screenplay:

Genre:

Time:

Country & Year of Production:

Language:

Status:

 

Production:

Caterina Crescini

Greta Amadeo

Drama

15'

Italy, 2021

Italian

Fund Raising

 

Materiali Sonori Cinema

Greta Amadeo

Nata a Roma nel 1994 è laureanda in Scienze Filosofiche all’Università di Bologna. Dal 2014 è attrice
e autrice per la compagnia teatrale i Perturbanti di Branca. Ha frequentato nel 2018 Bottega Finzioni
nell’area Fiction appassionandosi alla scrittura cinematografica. Nel 2019 ha partecipato al corso
Critica Cinematografia con Roy Menarini presso la Cineteca di Bologna e, sempre nello stesso anno,
ha svolto uno stage presso la Elenfant Film, per la distribuzione del cortometraggio. Nel 2020 si
iscrive nuovamente a Bottega Finzioni in produzioni audiovisive e multimediali per bambini e ragazzi
per poi essere anche selezionata al Corso Avanzato presso la stessa sede.
Attualmente, in collaborazione con Bottega Finzioni, sono in via di sviluppo alcuni progetti di
lungometraggio, con tematica ambientale, una serie televisiva per ragazzi e una sit-com animata.
Sempre tramite quest’ultima, sta lavorando a un romanzo per ragazzi e un albo illustrato. Oltre a ciò,
ha sviluppato per conto proprio quattro cortometraggi, due soggetti per lungometraggio, di cui uno in
collaborazione con un altro autore, e alcuni testi teatrali.

Caterina Crescini

Nata il 3 giugno 1994 a Verona. Ha frequentato il liceo Classico di Verona Scipione Maffei, prima di trasferirsi a Roma per studiare Cinema. Ha conseguito la Laurea triennale all’università La Sapienza di Roma In Arti e Scienze dello Spettacolo. Nell’ambito universitario ha fondato con un gruppo di colleghi l’associale culturale DRC creativity productions con cui ha realizzato cortometraggi, videoclip e iniziative artistica in collaborazione con Red Roots. Nel periodo della sua formazione ha frequentato la scuola di Alta Formazione per Registi e Sceneggiatori cinematografici ( Ex Rai Script ) di Arcangelo Mazzoleni e Mariella Buscemi. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Arte cinematografica presso l’accademia delle belle arti di Roma RUFA con una tesi redatta da Martina Cocco e Livia Barbieri. Durante il biennio accademico ha lavorato su set di cortometraggi come regista e direttore della fotografia. Ha curato la fotografia del documentario il Viandante prodotto dall’accademia di Belle Arti RUFA e ora il fase di post-produzione. Ha lavorato come assistente alla regia nel film Indesiderati Europa! Di Fabrizio Ferraro nel 2017 prodotto da Boudù Film; il film ha ricevuto importanti riconoscimenti al Torino Film Festival, ha partecipato ai maggiori festival nazionali e internazionali e attualmente è inserito nel palinsesto dei documentari di Raiplay. Nel 2019 ha lavorato come assistente alla regia nel film Maledetta primavera di Elisa Amoruso prodotto da Bibi film e ora in fase di post produzione.

© 1977 Materiali Sonori S.N.C.